20 Settembre 2020
Articoli

Mostra Architettura Oggi - Realizzazioni e Progetti

Mostre e Premi
Un tavolo espositivo di oltre ottanta metri. Per esaltare l´architettura contemporanea di qualità. E, soprattutto, attivare iniziative che puntino a divulgare alla società civile la necessità di coniugare l´architettura in questione alla qualità costruttiva. Altrimenti si corre un rischio: quello di fare diventare invivibili i nostri spazi. E´ il leit motiv di "Architettura Oggi! - realizzazioni e progetti", la manifestazione promossa dall´Ordine degli architetti, dalla Fondazione Arch e da Ance Ragusa in programma dal 14 al 23 dicembre. L´evento è stato presentato questa mattina dal presidente dell´Ordine, Giuseppe Cucuzzella, assieme al segretario Elena Azzone, e dal presidente della Fondazione, Gaetano Manganello. "La novità della partnership con l´Ance, l´associazione dei costruttori - ha spiegato Cucuzzella - si inquadra in un progetto molto più ampio che la comunità degli architetti, a livello nazionale, sta portando avanti con l´Ance e con Legambiente. E´ il progetto Riuso, l´acronimo di rigenerazione urbana sostenibile, che cerca di invertire la tendenza dello sviluppo delle città così com´è stato finora, provando a bloccare il consumo di suolo e rigenerando le parti di città che ne hanno di bisogno". Manganello, invece, nel sottolineare che il tavolo dell´architettura sarà collocato nel viale centrale dei Giardini iblei, nel quartiere barocco del capoluogo, precisa che la manifestazione assume contorni nazionali ed internazionali per le presenze che si registreranno. "E che animeranno - ha detto - le cinque mostre allestite per l´occasione e che sarà possibile visitare dopo il momento inaugurale di venerdì 14 dicembre nell´auditorium della chiesa di Santa Teresa a Ragusa Ibla a partire dalle 17". La prima mostra sarà quella degli iscritti all´Ordine della provincia di Ragusa, giunta alla settima edizione. I progetti saranno selezionati da una giuria qualificata che segnalerà gli elaborati che in modo maggiore esprimono un´architettura di qualità. La giuria è composta dal prof. Marco Mulazzani (docente di Storia dell´architettura contemporanea all´Università di Ferrara e redattore della rivista "Casabella"), dal prof. Matteo Vercelloni (docente di Storia del design presso il Polidesign di Milano e redattore delle riviste "Interni" e "Casabella") e dal prof. Mauro Galantino (docente di composizione architettonica presso l´Università Iuav di Venezia). La seconda sarà invece dedicata ai lavori di Giovanni Cintolo, architetto che ha influenzato, con le sue creazioni, la storia e lo sviluppo dell´architettura contemporanea a Ragusa. "GiArch", inoltre, è la mostra, curata da Annabella Bucci e Valeria Marsaglia, che offre uno spaccato dei lavori di giovani architetti italiani. Sarà accompagnata da un catalogo che presenterà i progetti partecipanti, edito da Utet Scienze tecniche. Altra mostra quella denominata "30<40", una selezione effettuata dall´Associazione italiana di architettura e critica e dal critico di architettura prof. Luigi Prestinenza Puglisi. Trenta giovani architetti siciliani di età inferiore ai 40 anni esporranno le proprie opere. Infine, la quinta mostra quella denominata "Architetture per l´ospitalità in Sicilia", una selezione effettuata sempre dall´Aiac e da Prestinenza Puglisi di cinque studi di architettura siciliani sul tema della realizzazione di strutture per l´ospitalità. La mostra sarà aperta venerdì 14 alle 20, ai Giardini iblei, e potrà essere visitata sino al 23 dicembre.